Rificolona


Share This:

7 settembre, Festa della Rificolona

La Rificolona è senza dubbio una delle feste più antiche e sentite a Firenze, legata al culto dell’immagine della Vergine conservata nella Santissima Annunziata. Nell’omonima piazza si davano appuntamento le genti del contado che scendevano in città, faceva ancora notte, per vendere la loro merce il giorno della festa religiosa, l’8 settembre, natività di Maria. Portavano lanterne per illuminare il cammino e le donne, vestite semplicemente, un po’ goffe, erano oggetto delle battute di scherno dei “cittadini”. Sembra che la parola “fiera” fu adattata proprio per prenderle in giro, fino a trasformarla in “fierucolona”, “fieruculona”, fino ad arrivare a “Rificolona”. Di qui il nome delle lanterne, protagoniste della festa.

“Ona ona ona oh che bella Rificolona, la mia è con i fiocchi, la tua con i granocchi” (e varianti)… chissà quanti fiorentini di tutte le età hanno cantato questa canzoncina portando con sé la Rificolona, lanterna colorata, di forme le più varie e originali, illuminata rigorosamente dalla candela (a un certo punto sono apparse anche le lampadine, forse per salvare le Rificolone dagli attacchi dei gruppi di ragazzini armati di cerbottane e “pirulini” e che spesso prendevano fuoco, ma faceva parte del gioco…).

Il 7 settembre si ripeterà in piazza santissima Annunziata la tradizionale adunata di grandi e piccini, ma in ogni quartiere di Firenze si festeggerà la Rificolona con feste e cortei.